Intossicazione

Funghi selvatici

I tipi di funghi che sono sicuri per le persone solitamente non sono nocivi per gli animali ma comunque non devono essere troppo presenti nella loro dieta quotidiana; se hai preparato un piatto a base di funghi e il tuo cane riesce a rubartene un pò non bisogna andare nel panico.

La maggioranza dei funghi selvatici non fanno male al cane, e allo stesso tempo non hanno un gusto molto gradevole per cui probabilmente non saranno ingeriti.
Al contrario alcuni funghi selvatici sono tossici sia per le persone che per gli animali e dal momento che alcuni di questi si somigliano tra loro identificarli è difficile anche se si ha una guida in mano.

Esistono migliaia di specie diverse di funghi e il loro aspetto può variare a seconda dello stadio di crescita e decomposizione, quindi è necessaria una consulenza specialistica per identificare in modo affidabile i funghi poiché la maggior parte dei proprietari e dei veterinari non è in grado di farlo.

Funghi selvatici potrebbero crescere persino nel tuo giardino e ricorda che molti di essi sono davvero molto piccoli e difficili da individuare se crescono nell’erba. Molti cani tendono a mangiare erba ogni tanto e con un morso potrebbero strappare, insieme ai fili d’erba, anche qualche fungo e ingerirlo.
Tieni d’occhio il tuo giardino, controlla se crescono dei funghi e rimuovili per evitare ogni rischio per il tuo cane.

Cosa fare quando un cane ingerisce un fungo o parte di esso?
La cosa più importante è agire rapidamente perché non abbiamo idea di cosa abbia mangiato e l’identificazione potrebbe necessitare diverso tempo.
Qualsiasi fungo selvatico dovrebbe essere considerato potenzialmente rischioso per il tuo cane e necessita di un trattamento immediato senza attendere l’identificazione.

Il primo passo è la decontaminazione aggressiva tramite induzione dell’emesi o lavanda gastrica.
I segni clinici possono comparire da 15 minuti fino a 2 ore dall’ingestione in base al quantitativo, al tipo di fungo ingerito e alla taglia dell’animale.
La seconda cosa da fare è prevenire l’assorbimento del tossico residuo a livello intestinale e fornire tutte le cure di supporto necessarie se dovessero comparire i primi segni di malattia.

Cosa fare per identificare correttamente un fungo?
É indispensabile raccogliere funghi o suoi pezzi situati nell'area in cui sono stati ingeriti.
Questi dovrebbero essere raccolti in un tovagliolo di carta e messi in un sacchetto di carta e refrigerati.
È importante avere tutte le parti del fungo per distinguere tra i vari tipi.

Tipi di funghi e tossicità
- Alcuni funghi causano disturbi gastrointestinali, non sono generalmente fatali, ma possono causare vomito e diarrea ed eventualmente disidratazione.
In questi casi è sufficiente una terapia sintomatica per alleviare i sintomi e velocizzare la guarigione

- Altri funghi hanno proprietà allucinogene: in questi casi i soggetti colpiti possono diventare molto deboli, vocalizzare, camminare come se fossero ubriachi o diventare aggressivi. In questi casi è necessario il ricovero in ospedale e nella maggior parte dei casi superano l’intossicazione senza conseguenze.
- Un gruppo di funghi altamente tossici, sono quelli che contengono ciclopeptidi; in questi casi generalmente non si vedono subito i segni di avvelenamento. I primi a comparire sono vomito, diarrea e diarrea emorragica e successivamente compaiono segni di insufficienza epatica e renale. In questi casi la sopravvivenza è molto bassa sia per gli animali che per le persone.

- Un altro gruppo molto tossico sono quelli che contengono le tossine dell’idrazina
Entro due ore dall'ingestione, possiamo vedere vomito e diarrea che si trasformano rapidamente in letargia e convulsioni seguite da necrosi epatica nelle ultime fasi della tossicità.
La sopravvivenza all'ingestione di questi tipi dipende dalla tempestività di un trattamento appropriato.

- Un gruppo che causa grave tossicità molto rapidamente sono quelli che contengono isossazoli
Provocando rapidamente convulsioni, paresi, disorientamento, masticazione e aggressività è necessario eseguire la lavanda gastrica per effettuare la decontaminazione.
In questi casi sono necessarie cure intensive per sopravvivere l’intossicazione.
- Altro gruppo di funghi pericolosi sono quelli che contengono le tossine muscariniche: tra isintomi principali vi è salivazione, lacrimazione, minzione incontrollata, diarrea, disturbi gastrointestinali e vomito.
La sopravvivenza in questi casi dipende dalla gravità dei segni clinici e dalla rapidità con cui il paziente viene trattato.

L'ingestione di funghi può essere molto grave o non causare alcun disturbo, ma c'è anche una buona possibilità che possa essere fatale!
Le intossicazioni vanno gestite in modo appropriato tenendo conto dello scenario peggiore possibile per salvare il vostro animale.
Siamo qui 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per aiutarti a mantenere il tuo animale domestico felice e in salute.

Scrivici per necessità, per info o per richiedere un appuntamento

Accettiamo pagamenti rateizzati
facebook TAH instagram TAH linkedin TAH