Info utili

I nuovi trend alimentari

Le esigenze nutrizionali di un animale cambiano nel tempo e sia l'età che la salute dovrebbero svolgere un ruolo nella selezione della dieta.
Le tendenze dietetiche sono in continua evoluzione sia per le persone che per gli animali e alcuni proprietari sono alla ricerca di un'alternativa più "naturale" alle diete secche in crocchette o terapeutiche, ovvero diete crude, fatte in casa e vegane.

È importante discutere sia degli aspetti positivi che di quelli negativi di questi tipi di diete in modo da essere informati sui nutrienti di cui il cane e il gatto hanno bisogno per una salute ottimale. A causa della complessità dei bisogni nutrizionali di alcuni pazienti, i medici generici possono prendere in considerazione il rinvio a un nutrizionista veterinario, se necessario.


Diete a base di carne cruda
Alcune diete a base di carne cruda sono commercializzate come "complete ed equilibrate" e destinate ad essere l’unica fonte di nutrimento e non necessitano di altre integrazioni per essere bilanciate.
Altre non sono commercializzate come diete complete e bilanciate, quindi sono utilizzate a rotazione con altre diete o somministrare come supplemento.
Questi tipi di diete sono disponibili in commercio in forme fresche, congelate e liofilizzate.
La maggior parte dei proprietari che nutrono il proprio animale con questa filosofia utilizza una combinazione di dieta a base di carne cruda e ingredienti tradizionali (ad es. yogurt, uova). Ciò determina la necessità di supplementare la dieta con altre fonti di carboidrati, fibra e oligoelementi.

Potenziali vantaggi
In uno studio del 2019, il 94% dei 218 proprietari di cani intervistati che hanno nutrito i loro animali con questa dieta ha indicato mantello più lucido, maggiore massa muscolare e denti più puliti come i principali miglioramenti osservati. Questi proprietari, la maggior parte dei quali utilizzava Internet come la loro principale fonte di informazioni, ha affermato di ritenere che i cibi crudi siano "assolutamente sicuri" per i cani.
Non ci sono dati scientifici a sostegno dei benefici osservati somministrando diete a base di carne cruda rispetto a diete basate sulla somministrazione di crocchette commerciali o preparate in casa. I dati che confrontano diete a base di carne cruda e cotta nei cani da prestazione hanno mostrato una differenza inferiore all'1% nella disponibilità di proteine; ci sono tuttavia alcune prove scientifiche pubblicate di una maggiore digeribilità di specifiche diete crude rispetto ad altri tipi di dieta.

Manipolazione sicura dei prodotti a base di carne cruda
Secondo il Centers for Disease Control and Prevention, circa un americano su sei si ammala ogni anno a causa di cibi o bevande contaminati e 3.000 persone muoiono ogni anno per questo motivo.
Gli animali alimentati con diete di questo tipo possono spargere batteri attraverso le feci per un massimo di 2 settimane dopo aver mangiato un prodotto contaminato. Il rischio per i proprietari è più alto quando conservano e maneggiano il cibo in spazi e con strumenti comuni e maneggiano le feci dell’animale.
Poiché molti proprietari non sono consapevoli dei possibili rischi è importante discuterne soprattutto quando a casa vivono bambini, anziani o persone immunocompromesse.
I proprietari dovrebbero sempre seguire queste linee guida:
• Conservare tutti i prodotti congelati fino al momento dell’uso
• Scongelare i prodotti nel frigorifero e non sul bancone
• Maneggiare tutti i prodotti separatamente dagli alimenti per il consumo umano
• Evitare di baciare l'animale dopo averlo nutrito

Svantaggi
Poiché le diete a base di carne cruda non vengono sottoposte a un trattamento adeguato per ridurre eventuali organismi patogeni, la preoccupazione maggiore che le circonda è la carica batterica che trasportano.
La presenza di patogeni zoonosici, batterici e parassitari, può essere una fonte di infezione sia per gli animali domestici che per i loro proprietari. I patogeni trovati più comunemente in uno studio del 2018 sono stati Escherichia coli, Clostridium, Salmonella, Campylobacter e Listeria.

In uno studio del 2019, l’elevata conta batterica isolata dalla carne cruda più comunemente è stata quella delle Enterobacteriaceae, seguita da Clostridium perfringens, Salmonella e Cambylobacter. Questi ricercatori hanno rilevato che i batteri patogeni isolati non rappresentavano un rischio per la salute del cane a meno che il sistema immunitario non fosse già compromesso per altri motivi; altri studi riportano invece che gli animali ripetutamente esposti a diete con cariche batteriche elevate si ammalano indipendentemente dalla condizione del sistema immunitario.
Poiché non ci sono prove pubblicate sufficienti per supportare questo tipo di alimentazione molti nutrizionisti veterinari non la raccomandano, in particolare per i soggetti giovani e quelli immunocompromessi o con particolari problemi di salute.
Inoltre le preoccupazioni relative al fatto che si tratti spesso di diete squilibrate e incomplete rimangono in prima linea.

Diete casalinghe
I proprietari possono scegliere di nutrire i loro animali domestici con una dieta casalinga per una serie di motivi, inclusa la sfiducia nei confronti delle diete commerciali. Queste diete possono anche essere raccomandate dai nutrizionisti per pazienti con varie condizioni cliniche tra cui malattia renale cronica, diabete mellito, malattie gastrointestinali e cancro.
Inizialmente sono raccomandati controlli mensili dopo l'introduzione di una dieta casalinga e qualsiasi modifica dovrebbe essere rivista con il veterinario per ottenere il miglior successo.
Varie ricette di diete casalinghe possono essere trovate online, su riviste e libri o dagli stessi veterinari tuttavia la maggior parte dei proprietari trova informazioni su fonti non verificate e se non formulate correttamente possono costituire un'alimentazione non equilibrata o completa.

Potenziali vantaggi
I vantaggi dell’alimentazione casalinga si riscontrano principalmente nei pazienti nei quali la salute dell'intestino riveste la massima importanza, come in condizioni di diarrea o vomito cronico. In alcuni casi, è stato notato che l'alimentazione con questa dieta rafforza il legame uomo-animale.
Le discussione deve tuttavia concentrarsi sull'importanza dell’integrazione di nutrienti essenziali (proteine, grassi, minerali, oligoelementi e vitamine). Nei gatti, anche la taurina deve essere integrata.
Né i cani né i gatti richiedono carboidrati, tuttavia i carboidrati sono aggiunti a molte diete come fonte di energia e per migliorare la salute gastrointestinale.

Svantaggi
Secondo il National Research Council (NRC) un'analisi di 200 ricette preparate in casa per il mantenimento di cani adulti scritte da veterinari (64,5%) e non veterinari (35,5%) ha rivelato almeno una carenza di nutrienti essenziali nella maggior parte delle diete.
Un altro studio su 27 ricette fatte in casa per cani affetti da cancro ha rilevato che nessuna soddisfaceva tutte le raccomandazioni nutrizionali per il mantenimento degli adulti.
È stato segnalato iperparatiroidismo secondario nutrizionale sia nei cani che nei gatti che consumano diete casalinghe sbilanciate: i principali segni clinici includono fratture spontanee, spasmi muscolari, convulsioni e deformità degli arti; i nutrienti più frequentemente mancanti includono calcio, fosforo e vitamina D.
A causa della loro rapida crescita, cuccioli e gattini sono generalmente più suscettibili alle carenze nutrizionali rispetto ai soggetti anziani.
Si consiglia ai proprietari di consultare un nutrizionista veterinario per la corretta formulazione di diete fatte in casa, in particolare per animali domestici con malattie croniche o terminali.

Diete vegane
Negli Stati Uniti, circa un quarto dei proprietari di animali domestici vegani è interessato a sottoporre ad un cambiamento dietetico simile i loro animali domestici; tuttavia fornire una dieta vegana completa ed equilibrata può essere estremamente difficile poiché richiede che siano presenti fonti proteiche di origine vegetale quando il metabolismo dei carnivori ruota attorno a proteine ​​di origine animale.

Svantaggi
Non ci sono vantaggi reali nel nutrire cani e gatti con una dieta vegana.
In uno studio pubblicato all'inizio di quest'anno, quattro diete vegane commerciali (tre per cani e una per gatti) sono risultate carenti a vari livelli di calcio, potassio, fosforo, proteine ​​e arginina.
La carenza di taurina è stata osservata nelle diete a causa dell'elevata concentrazione di farina di soia ed è attualmente allo studio se ciò possa portare ad anomalie cardiache come la cardiomiopatia dilatativa.
Inoltre, è stato dimostrato che le proteine ​​di origine vegetale hanno una digeribilità inferiore rispetto alle proteine ​​animali, sebbene ciò non sia stato studiato in questo articolo.
Alcune delle diete in esame avevano concentrazioni di rame e zinco superiori ai limiti consentiti, una dieta aveva un'integrazione di ferro al di sopra dei limiti massimi, bassi livelli di calcio e un rapporto calcio/fosforo inferiore alla raccomandazione minima.

Puoi trovare un'ampia selezione di pet-food veterinario sul nostro ESHOP. Clicca qui.



References

  1. Larsen J. Raw food diets for cats and dogs. Presented at American College of Veterinary Internal Medicine Forum; 2018; Seattle, WA.
  2. Morelli G, Bastianello S, Catellani P, Raw meat-based diets for dogs: survey of owners’ motivations, attitudes and practices. BMC Vet Res. 2019;15, 74. - https://doi.org/10.1186/s12917-019-1824-x
  3. Schlesinger DP, Joffe SJ. Raw food diets in companion animals: A critical review. Can Vet J. 2011;52(1):50-54.
  4. Van Bree FPJ., Bokken GCAM, Mineur R, et al. Zoonotic bacteria and parasites found in raw meat-based diets for cats and dogs. Vet Rec. 2018;182(2):50
  5. Hellgren J, Hästö LS, Wikström C, et al. Occurrence of Salmonella, Campylobacter, Clostridium and Enterobacteriaceae in raw meat-based diets for dogs. Vet Rec. 2019;184(14):442. doi:10.1136/vr.105199
  6. Cline MG. Home prepared diets for health and disease. Presented at: Atlantic Coast Veterinary Conference; 2017; Atlantic City, NJ.
  7. Burns KM. Alternative and raw food diets. Presented at: American College of Veteirnary Internal Medicine Forum; 2012; New Orleans, LA.
  8. Stockman J, Fascetti AJ, Kass PH, Larsen JA. Evaluation of recipes of home-prepared maintenance diets for dogs [published correction appears in J Am Vet Med Assoc. 2014 Jul 15;245(2):177]. J Am Vet Med Assoc. 2013;242(11):1500-1505. doi:10.2460/javma.242.11.1500<
  9. Heinze CR, Gomez FC, Freeman LM. Assessment of commercial diets and recipes for home-prepared diets recommended for dogs with cancer. J Am Vet Med Assoc. 2012;241(11):1453-1460. doi: 10.2460/javma.241.11.1453
  10. Tomsa K, Glaus T, Hauser B, et al. Nutritional secondary hyperparathyroidism in six cats. J Small Anim Pract. 1999;40(11):533-539. doi:10.1111/j.1748-5827.1999.tb03015
  11. Kawaguchi K, Braga IS, Takahashi A, et al. Nutritional secondary hyperparathyroidism occurring in a strain of German Shepherd puppies. Jpn J Vet Res. 1993;41(2-4):89-96
  12. Hutchinson D, Freeman LM, McCarthy R, et al. Seizures and severe nutrient deficiencies in a puppy fed a homemade diet. J Am Vet Med Assoc. 2012;241(4):477-483. doi:10.2460/javma.241.4.477
  13. Zafalon RVA, Risolia LW, Vendramini THA, et al. (2020) Nutritional inadequacies in commercial vegan foods for dogs and cats. PLoS ONE. 15(1): e0227046. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0227046
  14. CDC and Food Safety. Centers for Disease Control and Prevention. Published June 25, 2020. Accessed August 2, 2020. https://www.cdc.gov/foodsafety/cdc-and-food-safety.html#:~:text=CDC%20estimates%20that%201%20in,than%20%2415.6%20billion%20each%20year

Scrivici per necessità, per info
o per richiedere un appuntamento



#